Albenga - Palazzo Scotto Niccolari
22 - 27 luglio. Opening 22 luglio, ore 16.30

 "SHEPHERD LIFE" and "VILLAGE MUSICIANS"

by Branislav Brkic

La mostra personale di Branislav Brkic si compone di due serie di fotografie in bianco e nero delle quali lo stesso autore racconta la realizzazione.

Serie: Shepherd life (la vita con la pastorizia).

Tra le montagne, gli altopiani e le pianure della Serbia, prima del 1970, la grande quantità di pascoli erbosi era ricca di mandrie di bestiame al pascolo. Perciò le aree da Stara Planina (montagna), fino a Zlatibor e Pesterska Visoravan (altopiano) erano conosciute come le zone del bestiame e rinomate per la loro qualità della vita, perché in grado di fornire eccellenti prodotti alimentari. Tutti i villaggi di quelle zone erano ricchi di vita, animati dalle generazioni che vivevano in armonia e le scuole rurali dei paesi erano affollate di bambini. Molti salariati provenienti dalle fattorie collocate nelle zone più povere della nazione, emigravano in questa prospera area per dedicarsi alla pastorizia e al pascolo.

Dopo il 1979, la Serbia ha conosciuto un rapido processo d’industrializzazione e la città ha preso a esercitare un irresistibile fascino sui giovani, attirati da una vita urbana considerata più interessante. Gradualmente, quasi un’intera generazione ha abbandonato la vita rurale, finendo col rimpiazzare la fattoria e il pascolo con la fabbrica.

Il pastore più anziano, rimase con la sua mandria, ancora numerosa e produttiva allora, convinto che il giovane emigrato, una volta riempita la pancia col pane della fabbrica, sarebbe tornato dalla città a dargli una mano.

Comunque la vita, talvolta, consente che il cambiamento proceda, almeno un po’, in entrambe le direzioni in gioco. Durante il corso degli ultimi anni in Serbia molte grandi industrie sono state chiuse, e un non trascurabile numero di operai disoccupati ha deciso di tornare dai propri nonni o parenti, per riprendere la tradizione della pastorizia. Frattanto, un piccolo gruppo di anziani pastori, pur avvizzito nei propri villaggi svuotati, con l’ultimo briciolo di forza, cerca ancora di nutrire e conservare un simbolico gregge e un po’ di animali. Interi paesi dove viveva qualche migliaio di abitanti sono passati ad avere solo una cinquantina di anziani, e il numero è in costante decrescita, anno dopo anno.

Ho cominciato a realizzare questa serie di fotografie dal 2010. Per questa esposizione di Albenga ho selezionato venti immagini scattate in tre aree della tradizionale pastorizia: Deliblatska Pescara nel nord est, Pesterska Visoravan, altopiano del sud ovest, e Stara Planina, nella Serbia di sud est.

 

Serie: Village musicians (I musicisti itineranti del villaggio)

Le fotografie di questa serie sono recenti, scattate negli ultimi 3- 4 anni.

I Gypsy (Zingari) sono membri di una minoranza etnica conosciuta per il suo talento musicale.

Di norma i musicisti zingari non ricevono una formale e scolastica educazione musicale. Dalla notte dei tempi essi imparano dai più esperti tra gli anziani che trasmettono loro la tradizione e principalmente il talento per la musica. Molto semplicemente alla maggior parte di loro fare musica piace e, sovente, quell’attività permetterà di generare un beneficio a sostegno della famiglia.

La maggioranza dei musicisti zingari vive in povertà e usa per suonare strumenti usurati dal tempo che per altri sarebbe impossibile anche solo accordare. Eppure i loro violinisti sono particolarmente apprezzati. Non di rado alcuni di loro divengono direttori di orchestre ricercate da altri musicisti. A ogni primavera questi musicisti itineranti sono puntualmente invitati a suonare alle feste dei villaggi vicini.

Le loro orchestre di fiati sono assai popolari in diverse parti della Serbia. Le migliori sono chiamate a partecipare a un famoso e importante festival che si svolge a Guca, nell’ovest, una grande manifestazione organizzata con continuità da 50 anni.

Le quaranta fotografie della esposizione sono state stampate personalmente dal maestro Brkic su carta Epson Ultrasmooth Fine Art Paper (Digigraphie Quality).

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. Vi preghiamo di leggere la ns. documentazione * Cookies *.

Accetto i cookies da questo sito / I accept cookies from this site